Centralina Antifurto guida all’ acquisto

Centralina Antifurto guida all’ acquisto
5 (100%) 1 vote

La centralina di antifurto rappresenta il cuore di un sistema di allarme efficiente. Non solo tutti i rilevatori sono collegati alla centrale, ma anche chi si accosta all’allarme wireless deve poterla usare per reperire dati e dare le impostazioni principali. Ecco come scegliere la centralina e quali sono i migliori strumenti attualmente presenti sul mercato.

Si tratta di un piccolo apparecchio, dotato di tastiera (alcuni modelli hanno la tastiera a parte), che consente di gestire tutti gli aspetti del tuo sistema di allarme. Sia che l’impianto sia wireless o con filo, nessun allarme potrà fare a meno di una “stazione di comando”, che abbia anche il compito di effettuare periodici controlli agli elementi esterni (sensori, contatti magnetici, ecc.) e all’interno dello stesso apparecchio (stato delle batterie, chiamata, ecc.).

Altro compito di questo apparecchio è segnalare la presenza di intrusi dopo la decodifica dei dati ricevuti, salvandoli in una sezione apposita della. Una centralina antifurto GSM è in grado di inviare una comunicazione mirata, sfruttando i numeri predisposti attraverso le impostazioni date al momento dell’installazione.

Infine, la centrale può gestire anche tutto ciò che ruota attorno all’automazione della casa (centralina domotica): ad esempio il controllo del termostato della caldaia, l’illuminazione automatica, rileva se ci sono dei problemi con gli elettrodomestici, oppure se non è il caso di segnalare un’intrusione per il passaggio di un animale domestico, generando un falso allarme. Come “regista” dell’allarme wireless, il sistema centrale è in grado di sostenere anche il “peso” di alcuni sensori a contatto magnetico, se si trova in una zona da monitorare (generalmente una stanza).

centralina risco
centralina allarme risco

Come funziona

La centralina, nonostante le varie funzioni, ha pochi collegamenti ed essenziali, soprattutto se si parla di allarmi wireless, dove la centralina non deve gestire nemmeno le condizioni dei cavi. La centralina funziona con dei trasmettitori (che possono essere a singola, doppia o tripla frequenza) che consentono di ottenere informazioni via radio. Sempre attraverso l’allarme wireless si sviluppano le funzioni di controllo. Il sensore invierà delle onde in frequenza alla centralina e questa, con i software già installati all’interno, passerà alla decodifica delle informazioni, salvandole in una memoria interna. Se la situazione è sotto controllo, le onde ricevute non vengono salvate e la centralina non segnala nulla.

Centralina antifurto GSM: rilevazione e allarme

al primo cenno di cambiamento (che può essere un segnale di ritorno anomalo, oppure un tentativo di manomissione, o un feedback ricevuto dal sensore volumetrico), parte immediatamente il supporto GSM della centralina (combinatore telefonico), che risalendo ai numeri inseriti al momento dell’installazione invia la segnalazione in quattro modi differente:

  • Via SMS al numero di cellulare del proprietario dell’appartamento (se non presente al momento dell’intrusione) e conseguentemente a parenti e forze dell’ ordine.
  • Con chiamata registrata. Il proprietario, accanto alle impostazioni relative ai numeri, avrà salvato anche un messaggio vocale, dove indica l’indirizzo agli inquirenti. Con il sistema GSM, la centralina non fa altro che trasmettere quel messaggio ai numeri di soccorso.
  • Con foto. Se il sistema di allarme wireless è dotato di videocamere di sorveglianza, allora la centralina può inviare anche le foto dell’intruso catturate dai sensori esterni.
  • Con il PC, se la centrale antifurto wireless ha programmi specifici per il computer del proprietario dell’appartamento. In questi due ultimi casi sii deve avere un collegamento ad internet.

Un altro modo per dare l’allarme (senza usare il GSM) è quello studiato dagli istituti di vigilanza: attraverso un codice secondario (diverso da quello del proprietario), l’azienda contattata per la vigilanza riceverà direttamente i segnali del sensore, ottenendo dalla centralina tutte le informazioni del caso.

 La centralina riesce a definire la posizione dell’intruso grazie a una serie di numeri, dati sempre al momento dell’installazione: ogni serie (= codice) rappresenta un sensore e ogni sensore delimita una zona. In questo modo, si può ottenere un aggiornamento in tempo reale sulla situazione.

Caratteristiche della centrale antifurto wireless

Per essere inserita tra le migliori centrali antifurto wireless, la centralina deve avere queste caratteristiche:

  • Semplice da utilizzare. Per il proprietario di casa le impostazioni devono essere semplici, per un intruso impossibili.
  • Gestibile da più punti. Il proprietario deve poter dare ordini da remoto, tramite cellulare e supporto GSM, oppure essere in grado di verificare subito da tastiera o da telecomando il sistema di allarme collegato via radio alla centralina.
  • Flessibile. Se vorrai sostituire un sensore o aggiungerne altri, la centralina non ti deve dare problemi.
  • In garanzia. Le migliori centraline hanno diversi anni di garanzia, oltre alla documentazione in base alla normativa vigente.

Guida alle Migliori

Se vuoi andare sul sicuro per quanto riguarda la tua centrale senza fili, ti consigliamo alcuni marchi affidabili:

  • Silentron. La centrale Silentron, disponibile online e non solo, ha una pratica tastiera interna e consente di gestire in un attimo fino a 32 sistemi di rilevazione esterni, il tutto senza usare alcun filo. Lo schermo LCD servirà da orientamento nella programmazione delle impostazioni di base, dato che la centralina è già pronta all’uso.
  • Bentel Absoluta: centralina abbastanza economica modulare a proprio piacimento. Da 4 a 104 zone supportate con chassis in metallo antiscasso e anti tamper.
  • Progesty. La centralina wireless GSM consente di salvare un messaggio vocale e di inserire fino a 99 rilevatori via radio. Il sistema ha la tastiera interna e un bottone in caso di SOS immediato. Infine, riesce a stabilire se l’intruso è armato o meno.
  • Defender. Si tratta di una centrale supervisionata, che consente di scegliere fino a 51 zone diverse: per ogni zona, potrai stabilire metodi diversi di rilevazione e altre impostazioni, senza bisogno di un aiuto tecnico. Il sistema ha anche un’applicazione per cellulare, che consente di inviare ordini da remoto.
  • Tecnoalarm TP4: una delle piú utilizzate dagli installatori per la sua affidabilità e per la qualità del prodotto. Altamente configurabile è compatibile con tutti i prodotti della casa faentina.
  • Risco Agility 3: ottima centralina che si integra con il sistema wireless radio a doppio canale, anche con sensori perimetrali all’ aperto. La centralina supporta anche la connessione wifi per la gestione da remoto tramite app smartphone.

Dalla centrale dipende non solo la qualità del tuo sistema di allarme wireless, ma anche la sicurezza all’interno della tua abitazione e le tue esigenze future.

La centralina non dovrebbe essere cambiata e restare valida per un certo numero di anni: questo risultato si ottiene attraverso gli aggiornamenti e la predisposizione (= compatibilità) a gestire più rilevatori rispetto al kit base: un maggior numero di informazioni, che la centralina dovrà catalogare e rendere subito disponibili sia al proprietario di casa, sia a chi di competenza. Verifica le caratteristiche per fare un confronto e ottenere la miglior centrale antifurto wireless per la tua casa.

Prezzi

a seconda della qualità della centrale, se ad esempio ha il sistema anti tampering e dalla qualità della circuiteria elettronica e dalle zone supportate varia il costo.

In maniera orientativa una centralina economica costa 200 euro, una media 400 euro, una al top di gamma anche 800-1000 euro.