Camere di Sorveglianza Antifurto i Migliori Modelli

Camere di Sorveglianza Antifurto i Migliori Modelli
Vota!

Un antifurto per la casa, negozio o ufficio può essere sicuramente integrato con un impianto di videosorveglianza. Il grado di sicurezza aumenta ed il proprietario può avere accesso alle immagini della propria casa in tempo reale da qualsiasi parte del mondo utilizzando un pc oppure uno smartphone.

La tecnologia ha fatto passi da gigante ed i prezzi si sono abbassati. Per questo motivo un impianto di videosorveglianza è consigliato per gestire situazioni in cui potenziali intrusori possono penetrare dal giardino, balcone o tramite qualsiasi altro punto sensibile del luogo da proteggere. Oggi parleremo quindi di DVR, NVR, telecamere di videosorveglianza, camere Ip e camere gestibili da Internet. Cerchiamo di capirne di più.

Nelle nostre città le telecamere che sorvegliano 24 ore su 24 sono tantissime. Interessano luoghi sensibili come aeroporti, stazioni, banche, supermercati. Si chiamano telecamere a circuito chiuso perchè le immagini ed i video sono trasmessi su canali privati, accessibili solo da alcune persone che devono rispettare la privacy e non divulgare i filmati delle persone riprese se non richieste dalle autorità. Spesso inoltre ci sono sofisticati software di controllo che riescono a “catturare” numeri di targhe di auto rubate o a riconoscere volti di potenziali malfattori in maniera automatica segnalandoli alle forze dell’ ordine.

Un impianto con telecamere per un antifurto è invece molto più semplice. A meno che non dobbiate “memorizzare” le riprese, non avete bisogno di un videoregistratore digitale DVR. Le telecamere possono essere collegate in maniera wireless oppure con filo ad un semplice router connesso ad Internet. in questo modo inviano immagini, video e audio al proprietario di casa grazie alla connessione web.

Realizzare un impianto di sorveglianza in proprio

possiamo anche farlo in casa in maniera economica. Sotto i 100 euro c’è questo modello della D-LINK che può essere montato internamente. E’ totalmente wireless ed è dotata di sensore di movimento, in pratica quando rileva la presenza di un intruso comunica via internet inviano un alert su smartphone. Il motore presente permette anche la rotazione della camera di 340 e 115 gradi.

Se dobbiamo invece montare telecamere all’ aperto c’è la NETGEAR ARLO che riesce a lavorare anche con pochissima luce. Collegabile con il wifi è anch’essa dotata di rilevatore di movimento che cattura la presenza fino a 15 metri realizzando video in HD. Oppure altra telecamera di sicurezza esterna con sensore, di altissima qualità è la DLINK DCS 2332L ,guardate la nostra RECENSIONE D-LINK 2332L .

Telecamere in Kit

se decidete di installare un set completo di telecamere, per controllare piú di un ambiente, potete optare per il kit Ezviz Bd-1804B1. Ezvìz è un produttore di soluzioni per la sicurezza e la fotografia d’azione. Nel campo delle videocamere, possiamo sfruttare interi kit pensati per la sorveglianza. Si tratta in questo caso di un set composto da ben quattro telecamere Bullet e un registratore digitale da 1TB con uscite HDMI e VGA. Lo controlliamo da telecomando o mouse e sfruttiamo la compressione H.264. Il costo dell’impianto è di poco meno di 500 euro. Se vogliamo spendere meno e abbiamo bisogno di sole due Bullet con registratore, puntiamo sull’ Ezviz Bd-1402B1 .

telecamere-sorveglianza

Sul mercato si sono affacciati quelli che si chiamano NVR ovvero Network Video Recorder che si interfacciano con le telecamere connesse ad internet. Anche in questo caso si tratta di videoregistratori digitali che hanno un sistema operativo proprio per la registrazione ed archiviazione su Hard disk delle riprese video.

Esteticamente le telecamere si presentano in due modi: Dome, a cupola, oppure Bullet, a sigaro, o se preferite a proiettile allungato. Le prima si installano a soffitto, oppure a muro con un supporto tipo lampioncino che le sostiene. Le seconde vanno bene se fissate a parete. Un’altra differenza è che le Dome, proprio per la loro forma, possono restituire anche una vista anche a 360 gradi delle cose che riprendono, mentre le Bullet sono limitate a 180 gradi se vanno a muro.

Meglio Dome o Bullet

indifferente la scelta, dipende dal modello e dalla marca, ma si tratta di un’opzione “estetica” oppure funzionale se vogliamo una copertura a 360 gradi offerta dalle Dome.

Una volta installate si possono interfacciare o con la centralina di antifurto che gestirà i loro segnali di allarmi attraverso il combinatore telefonico oppure essere indipendenti e lavorare parallelamente . In quest’ultimo caso avremo bisogno, dome detto, di un router connesso ad internet con cui si interfacciano, sia in maniera filare o wireless.

Le telecamere sono spesso dotate di sensore di movimento. Loro controllano costantemente la zona ma iniziano a registrare e contestualmente ad inviare un alert vis sms o mail soltanto quando si accorgono di una intrusione. In quel momento il proprietario riceve il segnale sul proprio smartphone e può decidere di attivare la visualizzazione dell’area controllata.

Sulle telecamere dotate di motore possiamo interagire muovendole per inquadrare meglio il soggetto e, allo stesso tempo, possiamo anche metterci in ascolto grazie al microfono incorporato.

Le telecamere di videosorveglianza possono essere installate internamente o esternamente. In quest’ultimo caso sono dotate di sistemi di protezione contro agenti atmosferici e sistemi anti sabotaggio e strappo. Possono anche lavorare di notte grazie ai led di illuminazione incorporati e grazie ai sensori che lavorano con pochi LUX. Il grado di protezione IP, indica la loro resistenza a polvere, acqua e ad eventuali attacchi con corpi contundenti.

Le marche più blasonate sono Axis, ad esempio la serie P55 permette una ripresa in HD a 720p con vista panoramica a 360 e compressione delle immagini con codec H.264. Oppure se si vuole risparmiare ci sono quelle di D-LINK: la nightvision permette una visione notturna e controllo via remoto.

Anche Tp-link produce camere di sorveglianza economiche. Con meno di 100 euro potete acquistare il modello giorno-notte dotato di piedistallo per essere installato anche su tavoli e mensole.

Tornando ai modelli professionali c’è ovviamente Sony con il suo comparto sicurezza e Panasonic.

Opinioni per un sistema di videosorveglianza esterna

Una delle caratteristiche più importanti di una telecamera di sicurezza esterna è se è stata valutata come resistente alle intemperie e all’acqua. Tuttavia, ci sono molti altri fattori da considerare quando si sceglie una telecamera di sorveglianza esterna per la propria casa.

Ecco alcune domande che dovrai prendere in considerazione per aiutarti a scegliere il miglior sistema di sorveglianza esterna per la tua casa.

Di quanta copertura di sorveglianza esterna hai bisogno?

L’angolo di visione della telecamera determina lo spazio che la fotocamera coprirà. Le lenti angolate più larghe aiutano a ridurre il numero di telecamere richieste per la copertura complessiva della proprietà. A seconda della copertura di cui hai bisogno e dell’angolo di visione di ogni telecamera, potresti dover acquistare più fotocamere o multi-pack per monitorare più spazio intorno alla tua casa.

La fotocamera ha una risoluzione video di alta qualità?

Un altro fattore da considerare quando lo shopping per la videosorveglianza esterna è la risoluzione della fotocamera. Maggiore è la risoluzione della fotocamera, più chiara e semplice sarà la visione delle immagini. Idealmente, ti consigliamo una risoluzione 1080p o superiore per le immagini più chiare. Tenere presente che se si collega la videocamera a un DVR o ad altri dispositivi di registrazione, sarà anche necessario che sia compatibile con l’HD per mantenere l’immagine ad alta qualità.

La telecamera di sicurezza ha una visione notturna?

Il monitoraggio notturno è uno degli usi più comuni per le telecamere di sorveglianza esterne e, per ottenere un’immagine di alta qualità, è necessario acquistare una fotocamera con tecnologia a infrarossi (IR). Molti modelli dispongono di un interruttore IR incorporato che attiva e disattiva automaticamente la tecnologia a infrarossi in base alle condizioni di illuminazione. Il numero di LED a infrarossi utilizzati in una fotocamera contribuirà a determinare la distanza di una gamma di visione notturna di una fotocamera.

Qual è lo stile migliore per le tue esigenze?

Esistono due stili principali di telecamere di sicurezza esterne: dome o bullet. Entrambi gli stili della fotocamera sono abbastanza ovvi per potenziali intrusi, tuttavia è più difficile determinare in quale direzione si trova una telecamera a cupola, il che può aiutare a scoraggiare un potenziale intruso. Un’altra cosa da tenere a mente per quanto riguarda lo stile della fotocamera è se si desidera montarlo sul soffitto o sul muro.

La fotocamera ha una capacità di registrazione sufficiente?

Se si desidera guardare una riproduzione dei prodotti in giro per casa, è necessario disporre di una videocamera con capacità di archiviazione integrata o funzionalità di registrazione cloud. La maggior parte delle fotocamere con capacità di registrazione dispone di uno slot SD o microSD integrato che consente uno spazio di registrazione sufficiente.

Alcuni sistemi registrano anche su DVD o mini-disc, ma la maggior parte sta ora passando alla tecnologia DVR (videoregistratore digitale). Un sistema di telecamere basato su computer registra i tuoi video sul disco rigido del PC, rendendo così facile e veloce la revisione della cronologia video.

Vuoi accedere alla tua fotocamera con un dispositivo mobile?

Molte telecamere di sorveglianza esterne disponibili oggi sono in grado di trasmettere in streaming un feed direttamente sul tuo dispositivo mobile. Se vuoi essere in grado di effettuare il check-in durante il giorno o mentre sei fuori per lunghi periodi, questa è una caratteristica importante da avere. Assicurati di scegliere una fotocamera compatibile con il tuo dispositivo. In generale, l’accesso remoto, gli avvisi mobili o le funzionalità basate su cloud richiedono canoni mensili o annuali con il proprio fornitore di monitoraggio della sicurezza domestica .

Vuoi una videocamera di sicurezza cablata o wireless?

Le telecamere wireless sono facili da installare e riposizionare, ma ti consigliamo di controllare periodicamente i livelli della batteria per assicurarti di essere completamente protetto. Le unità cablate di solito richiedono l’installazione professionale e l’accesso a una presa di corrente, ma tendono a fornire immagini più chiare rispetto alle controparti wireless.

La fotocamera dispone di funzioni di panoramica / inclinazione / zoom?

Le telecamere con panoramica, inclinazione e zoom comandate a distanza sono ideali per fornire copertura a aree più ampie e consentire all’utente di ottenere il miglior angolo di visione possibile senza dover riposizionare fisicamente la fotocamera.

Vuoi una fotocamera con caratteristiche di risparmio energetico?

Le telecamere di sorveglianza possono consumare molta energia, ma se trovi un modello che registra solo quando viene rilevato un movimento, può aiutare a ridurre i costi operativi. Molti modelli ti invieranno anche notifiche push o email quando viene rilevata una cosa fuori dall’ordinario, quindi non è necessario controllarti continuamente.

 

Lascia un commento