Allarme antincendio Come funziona I componenti da Acquistare

Allarme antincendio Come funziona I componenti da Acquistare
Vota!

L’allarme antincendio è diventato obbligatorio in Italia in alcune tipologie di uffici e negozi (normativa UNI 9795 – 2013), non ancora per le abitazioni. Si tratta di una misura necessaria perchè nel nostro paese lo scorso anno si è registrato un incendio in un edificio ogni due ore. Solitamente 1 incendio su 3 è elettrico e ciò provoca non solo danni a cose e materiali ma anche a persone.

La maggior parte degli incendi mortali si verificano durante la notte, con le persone sorprese nel sonno. Ecco perché un dispositivo è importantissimo, piú di un antifurto per la casa.

Funzionamento di un allarme antincendio

Ovviamente, è bene ricordarlo, un allarme antincendio non ha il ruolo di spegnere un incendio, ma bensì di avvertire dell’ inizio della propagazione del fuoco o fumo. Tuttavia è particolarmente importante l’allarme in modo che si possa reagire rapidamente, evitando di farsi male, di respirare fumo tossico e molto spesso per salvare la propria casa e anche la propria vita.

rilevatore fumo

Sono quindi i rivelatori distribuiti in tutta la casa che analizzano l’aria nella stanza per identificare eventuali fumi che potrebbero essere rilasciati da un incendio, indipendentemente dalla natura e dall’origine. Se viene rilevato del fumo, l’allarme inizierà ad avvertire voi o i vostri vicini.

L’avvisatore acustico incorporato produce un suono di 85 dB per case standard e 105 dB per luoghi pubblici, aziende o grandi case.

Rilevatori  allarme antincendio

Ci sono 2 tipi di rilevatori per un allarme antincendio.

I primi sono rilevatori di fumo che vengono attivati ​​quando rilevano troppo fumo nell’ambiente controllato.  Una volta, i primi modelli, segnalavano fumo troppo facilmente, potevano “scattare” a causa di una sigaretta o di un piatto fumante in cucina, oggi sono meno sensibili anche se i falsi allarmi si generano ancora.

I secondi sono rilevatori di calore che si attivano quando la temperatura di una stanza è eccessivamente alta. Questa è la soluzione generalmente indicata per le cucine in cui il fumo è spesso presente.

Si possono anche usare rivelatori di monossido di carbonio, poiché questo gas si forma durante la combustione di materiali carboniosi come legno, gas o olio combustibile. Alcuni combinano anche rilevatori di gas , butano e propano per prevenire il rischio di esplosioni rilevando una perdita.

allarme_antincendio

Dovresti anche sapere che ci sono rilevatori cablati e rilevatori wireless. Questi ultimi sono ovviamente più facili da collocare in una casa già costruita. Funzionano a batterie e avvisano quando sono scariche. I rilevatori cablati hanno una batteria di backup che si blocca durante un’interruzione di corrente.

Rivelatori wifi

A seconda dell’hardware che decidi di installare, troverai diversi dispositivi. I sensori DAAF sono i più popolari, soprattutto per i costi di acquisto e installazione, molto economici si possono acquistare anche su Amazon, date un’occhiata ai modelli disponibili.
Detto questo, come suggerisce il loro nome, ci sono anche i rilevatori di fumo e fuoco che avvertono via internet il proprietario di casa o negozio. Si collegano alla rete tramite un segnale wifi presente ed avvertono tramite una app specifica che va installata su smartphone. D’altra parte, se si è isolati in campagna, senza vicini vicini, è meglio optare per rilevatori di rete di questo tipo.

Funzionano anche con un trasmettitore GSM, ovvero con una sim card se il segnale wifi è assente. Il proprietario dell’abitazione o un servizio di sorveglianza viene quindi informato dell’allarme.

Dove installare i rilevatori di fumo

Il fumo sale sempre, quindi è assolutamente necessario posizionare i rilevatori in altezza e, se possibile, sul soffitto. Un rilevatore può essere posizionato per camera, ma non è obbligatorio. Tuttavia, è richiesto almeno un rivelatore per piano. Si consiglia di dotare gli ambienti anche di telecamere di sorveglianza che rimangono accese o in standby ogni notte per controllare se effettivamente è in atto un incendio.
Preferiamo anche il corridoio oi corridoi che conducono alle stanze, per essere svegliati prima che il fumo entri in queste stanze e soffochi gli occupanti.

Un’installazione molto semplice e di bassa manutenzione: si può installare un rilevatore di fumo o un rilevatore di calore. È sufficiente sapere come utilizzare un trapano e dotarlo di uno stop di 5 cm. Se non hai uno strumento o non puoi o non sai come installare basta chiamare un elettricista . Se si affitta un appartamento, spetta al proprietario fare il lavoro a proprie spese. La manutenzione sarà a carico dell’inquilino.

È sufficiente controllare il corretto funzionamento del dispositivo una volta all’anno, se necessario sostituire le batterie se necessario e spolverare regolarmente il rilevatore.

Lascia un commento